martedì 27 settembre 2016

La via del guerriero. Storia dei «hwarang» di Silla

http://amzn.to/2d1kplC
di Andrea De Benedittis

Fondato nel VI secolo d.C., il "hwarangdo" è un’istituzione che ha formato generazioni di giovani aristocratici del regno di Silla nelle arti militari, per farne difensori della patria, come pure nel canto, nella danza e nella religione, per renderli depositari della cultura del paese e guide spirituali e politiche del regno.

domenica 18 settembre 2016

XL Convegno di Studi Giapponesi (AISTUGIA)

Torino, 22 - 24 Settembre 2016

Comunicato stampa:


L’Associazione Italiana per gli Studi Giapponesi (AISTUGIA) presenta a Torino il suo annuale convegno internazionale, che fa parte delle celebrazioni ufficiali del 150° anniversario delle relazioni Italia-Giappone.

martedì 13 settembre 2016

Cina, da “sabbia informe” a potenza globale

http://amzn.to/2cpcqhj
di Diego Angelo Bertozzi

«Solo ripercorrendo le tragedie del colonialismo e dell’imperialismo che hanno umiliato la Cina e la sua antica civiltà si può capire la costante attenzione rivolta alla difesa di una sovranità nazionale faticosamente ritrovata e di un modello economico che, attraversando anche tragedie e fallimenti, ha garantito sempre più il diritto alla vita a una immensa popolazione che ancora alla metà del secolo scorso era vittima di carestie e del sottosviluppo».

domenica 17 luglio 2016

La guardia, il poeta e l'investigatore

http://amzn.to/29QpJIH
di Jung-myung Lee

Nel 1944 la Corea è sotto l'occupazione giapponese, e nella prigione di Fukuoka non si permette ai detenuti coreani di usare la propria lingua. Un uomo, una guardia carceraria, viene trovato brutalmente assassinato, e un giovane collega dall'animo sensibile e letterario viene incaricato di condurre l'indagine e trovare il colpevole. La vittima era temuta e odiata per la sua brutalità, ma quando l'improvvisato investigatore avvia la sua inchiesta interrogando custodi e detenuti, ricostruendo poco a poco i movimenti degli ultimi mesi, un diverso e sorprendente scenario si impone alla sua attenzione.

venerdì 8 luglio 2016

Scritti sul cinema di Yasujirō Ozu

http://amzn.to/29coEaa
A cura di Franco Picollo e Hiromi Yagi. Prefazione di Dario Tomasi

Edito da Donzelli Editore

Siamo felici di presentarvi questo prezioso libro che raccoglie gli scritti del maestro del cinema giapponese Yasujirō Ozu, senza dubbio il nostro regista preferito di sempre.
In "Scritti sul cinema", oltre a una curatissima prefazione e ad una interessante introduzione, possiamo leggere attraverso le parole del maestro Ozu le sue prime esperienze come aiuto regista, gli inizi della sua attività e del suo avvicinarsi al mondo del cinema giapponese.

sabato 2 luglio 2016

Grammatica giapponese

https://www.amazon.it/Grammatica-giapponese-Matilde-Mastrangelo/dp/8820367270?ie=UTF8&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=8820367270&linkCode=as2&redirect=true&ref_=as_li_ss_tl&tag=labibldellest-21
di Matilde Mastrangelo, Naoko Ozawa, Mariko Saito
edito da Hoepli (nuova edizione)

La seconda edizione della Grammatica giapponese, affermatosi come testo di riferimento didattico e di consultazione in materia, analizza in dettaglio gli aspetti fonetici, morfologici e sintattici del giapponese moderno. Il volume è strutturato in 5 sezioni tematiche: le prime tre, che costituiscono la parte principale dell'opera, sono dedicate alla morfologia e alla sintassi, mentre le due parti conclusive riguardano questioni più specifiche sul linguaggio relazionale e sulle variazioni linguistiche tra scritto e parlato nonché tra linguaggio maschile e femminile.

domenica 26 giugno 2016

Morte di un maestro del Tè

https://www.amazon.it/Morte-maestro-del-Yasushi-Inoue/dp/8857227456?ie=UTF8&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=8857227456&linkCode=as2&redirect=true&ref_=as_li_ss_tl&tag=labibldellest-21
di Yasushi Inoue 

traduzione dal giapponese di Gianluca Coci


“… sono già passati oltre sei anni dal giorno in cui il maestro Rikyu fu costretto a togliersi la vita facendo seppuku.
Prima ho detto di essermi allontanato dalla Via del Tè perché era troppo segnata dal mio maestro, ma questo non significa che mi sia allontanato da lui.